Prostata ingrossata: sintomi, cause, cura, rischi, dieta e rimedi naturali

Infiammazioni di uretra e vescica. Lo svuotamento incompleto della vescica favorisce proliferazione di germi e batteri con possibilità di infezione.

Anche la radioterapia è efficace per tumori localizzati. E comunque usata anche per alleviare il dolore nei casi di diffusione del cancro prostatico alle ossa.

Bruciori durante la minzione.

L’infiammazione può essere curata con antibiotici e antinfiammatori o con terapie e cure naturali, ma un corretto stile di vita aiuta ad alleviare la sintomatologia.

La cura per la prostatite acuta di origine batterica consiste nell’assunzione di antibiotici. La terapia va protratta per un periodo abbastanza lungo (anche superiore alle tre settimane) fino alla completa scomparsa dei batteri perché la prostata si dimostra poco sensibile all’azione dei farmaci.

Qualunque sia la patologia scatenante dell’ingrossamento della ghiandola fondamentale è alleviare la sintomatologia e quando è possibile eliminare la patologia scatenante.

Iperplasia prostatica benigna

Poichè la prostata, posizionata subito al di sotto della vescica, è attraversata dall’uretra, quando per una qualsiasi causa si ingrossa, ne strozza il lume e compromette il normale deflusso delle urine.

  • Eliminare fumo, tabacco, alcolici e sostanze chimiche,
  • Mantenere il giusto peso corporeo, con una dieta equilibrata.

Questo trattamento è eseguito solamente per moderare dei sintomi gravi dell’allargamento della prostata che non hanno risposto alla terapia farmacologica.

Una seconda ipotesi invece suggerisce che l’ingrossamento della ghiandola prostatica può essere legato allo sbilanciamento di due ormoni, chiamati testosterone ed estrogeno. Ossia, più l’uomo invecchia e meno testosterone produrrà (per contro invece si avrà un incremento significativo di estrogeno, il quale si ritiene essere la causa principale di tale patologia).

a circa un anno e mezzo che faccio avanti e indietro dai dottori mi son fatti tutti gli esami di ogni genere e dicono che ce l’ho ingrossata 4 o 5 non capisco ma ogni volta mi dicono “faccia questa cura e fra un mese si rifaccia vedere con i soliti esami” ma nel frattempo ogni due mesi ho un blocco e sono costretto a chiamare l’ambulanza perchè non posso urinare e la storia si ripete e mi mettono il catetere x 10 giorni e cosi via. non so quello che debbo fare x sapere cosa posso fare?

È consigliata a quei pazienti che hanno una prostata notevolmente ingrandita, dato che una simile tecnica comporta un’altissima percentuale di possibili complicazioni (come la ritenzione urinaria).

La TUIP è un’alternativa della TURP per gli uomini che presentano una prostata moderatamente ingrandita, e/o sono in cattive condizioni di salute (per cui corrono meno pericolo con questa altra opzione chirurgica). Questa tecnica consiste nell’effettuare due ridotti tagli nella prostata per ampliare l’uretra e migliorare quindi il flusso urinario.

Quando un paziente si recherà dal proprio dottore, si sentirà chiedere da quest’ultimo:

È un esame che consiste nell’urinare dentro un contenitore collegato ad un macchinario (l’uroflussometro), che determina la quantità di urina emessa nell’unità di tempo e la registra su un tracciato. Con questa procedura si scopre se il gettito urinario è normale, o se è debole. qualora il gettito dovesse risultare discontinuo, si faranno svolgere al malato altri accertamenti per trovare le cause delle ostruzioni alle vie urinarie. In seguito l’esperto deciderà quale trattamento fargli prendere per aiutarlo a controllare i disturbi della minzione.

Quando gli uomini notano i menzionati cambiamenti durante la minzione, non devono esitare a rivolgersi al loro medico di famiglia . Perfino dei sintomi leggeri meritano un approfondimento.

Lista di controllo per la valutazione dei sintomi della sopraccitata patologia

You Might Also Like